Maratea 25/27 settembre 2015 4ª edizione

martedì 22 settembre

Dopo un anno di pausa, riparte venerdì 25 settembre la summer school Mediterraneo, identità e alterità dell'Europa, arrivata così alla 4a edizione. Il programma si estende per tre giorni.

prometa 153x25 trasp

Maratea, 4/14 settembre 2013
Matera, 23/26 settembre 2013

La terza edizione della Scuola d'estate ha offerto tre moduli formativi entro cui declinare la riflessione sul complesso rapporto tra Europa e Mediterraneo.
Promossa dalla Presidenza della Giunta della Regione Basilicata, la Summer School 2013 è stata il frutto di un lavoro progettuale attento e cooperativo tra associazioni di alto profilo lungamente impegnate su questi temi: Associazione culturale Basilicata 1799, Istituto di Alti Studi Euro-Mediterranei e Associazione Pensiero Complesso e Associazione Mediterraneo.
Aperta a giovani laureati e giovani ricercatori, si è artcolata in tre momenti:

Modulo I: "L'incertezza del politico: nuove categorie interpretative"
Maratea, 4/9 settembre
Il filo conduttore del I Modulo è stato una riflessione sui temi relativi alle nuove categorie interpretative proprie del politico nell'era della globalizzazione e delle mutazioni che attraversano il complesso rapporto tra la democrazie e le masse - temi che hanno attraversato la grande tradizione culturale occidentale e che sono, dentro l'attualità del presente, come direbbe Foucault - al centro di molti importanti studi.
--
Roberto Esposito, Giacomo Marramao, Biagio de Giovanni, Gian Enrico Rusconi e altri si sono confrontati con gli studenti nella splendida cornice di villa Nitti e con il pubblico durante gli appuntamenti serali al Porto di Maratea.

Modulo II: "Strategie euro-mediterranee: politica, economia e dinamiche sociali"
Maratea, 11/14 settembre
Il secondo Modulo ha approfondito questioni strategiche nell'area del Mediterraneo, rintracciando le maggiori criticità e opportunità che caratterizzano la congiuntura geopolitica ed economica contemporanea
Questioni essenziali, quali i fermenti sociali nella Turchia di Erdogan, l'evoluzione del conflitto siriano e le sue conseguenze, le istanze democratiche emerse durante le cosiddette "primavere arabe" e non ancora soddisfatte, il ruolo dei Paesi europei nello scacchiere mediterraneo, il ruolo cruciale dalle amministrazioni statunitensi negli equilibri euro-mediterranei ecc., ebbene tutte queste questioni rendono il Mediterraneo il luogo della complessità, ma anche delle grandi opportunità, sia in campo economico che politico.
--
Valeria Piacentini, Silverio Ianniello, Cosimo Risi, Paolo Garonna, Roberto Menotti, tra altri esperti di primo piano hanno guidato la discussione con gli studenti su numerosi e interessantissimi temi e sviluppi.

Modulo III: "Il Mediterraneo e l'Europa nel mondo Il pensiero complesso e la sfida della convivenza interculturale"
Matera, 23/26 settembre 2013
Nell'attesa trasferta a Matera, si è continuato ad affrontare il tema, introdotto nella precedente edizione dal prof. Edgar Morin, della complessità (cumplexus come ciò che è tessuto insieme) e della nostra crisi prodotta da molteplici crisi, nonché della possibilità di ricostruire le solidarietà e le reciproche implicazioni fra oggetti arbitrariamente separati e isolati.
--
Mauro Ceruti, Gianluca Bocchi, Sergio Manghi, Giuseppe Varchetta hanno proposto diverse e affascinanti prospettive che sono andate a comporre la sfida della complessità.